Connect with us

C.N.S.A.S.

Friuli: salvato dall’app Geo Resq del CNSAS

Published

on

Un appassionato di montagna stava camminando lungo un sentiero in Friuli Venezia Giulia, poi il malore. Ha chiesto soccorso grazie all’applicazione sviluppata dal Soccorso Alpino e Speleologico, da quest’anno gratuita per tutti i soci del Club Alpino Italiano (CAI): Geo Resq (Download, Android)

 

Una volta lanciato l’allarme, la centrale ha ricevuto le informazioni del chiamante e le sue coordinate geografiche per poterlo localizzare su una mappa ed indirizzare correttamente i soccorsi. Il primo a giungere sul posto è stato un volontario del CNSAS di Maniago che si trovava in zona per un censimento, allertato via telefono. Il tecnico del CNSAS ha potuto prestare i primi soccorsi nell’attesa degli altri tecnici che, successivamente, lo hanno aiutato a coordinare l’atterraggio dell’elicottero del 118. Recuperato con il velivolo, l’uomo è stato poi caricato sull’ambulanza e portato all’ospedale di Pordenone per accertamenti.

La tecnologia di Geo Resq, ricorda quella di 112 Where Are U, applicazione gratuita scaricabile da Google Play che consente di inviare una chiamata aggiungendo dati personali e relativi alla posizione. In questa app, è stata anche inserita la modalità “chiamata silenziosa” per effettuare chiamate senza la necessità di dialogare con un operatore, nel caso in cui l’emergenza non lo permetta (una rapina, un’intrusione ecc.ecc.).

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

C.N.S.A.S.

Valanga in Val Venosta: il bilancio è tragico

Published

on

Una valanga è caduta in Val Venosta, Trentino Alto Adige, travolgendo alcuni sciatori. I soccorritori sono riusciti ad estrarre vivi da sotto la neve prima una donna tedesca di 45 anni e poi sua figlia di undici. Le loro condizioni, apparse sin da subito gravi, non le hanno lasciato speranze. Nonostante i tentativi di rianimarle e la corsa in ospedale, le due, sono decedute.

Un elicottero decollato da Trento e dotato di visori notturni è riuscito ad atterrare sul posto, ha imbarcato i feriti e li ha trasportati in ospedale ma l’operazione è stata resa difficile dal forte vento e dalle condizioni di scarsissima visibilità. La comitiva di nove persone, di nazionalità tedesca, è stata sorpresa dalla valanga durante un percorso fuoripista: cinque persone non sono state toccate dalla slavina, due sono rimaste intrappolate ma per poco tempo e sono state estratte dalla neve dai soccorritori illese.

La donna è stata trovata sotto un metro di neve direttamente sopra la bambina, come se fino all’ultimo la volesse proteggere. La slavina si è staccata a 2.600 metri di quota e aveva un fronte di 100-150 metri. Il gruppo di scialpinisti tedeschi, che si trovava molto più in basso a 2.100 metri in una zona piuttosto sicura del pendio, ha osservato il distacco e tutti, tranne appunto la madre e la ragazzina, sono riusciti a mettersi in salvo. Per domani, appena le condizioni meteorologiche lo permetteranno, sarà effettuato un sopralluogo, ma il vento e la neve probabilmente avranno cancellato molti elementi utili per stabilire la causa della valanga ed eventuali responsabilità. Il rischio valanghe ieri era marcato (grado 3 di 5), oggi lungo la cresta di confine addirittura forte (grado 4).

(Fonti, Ansa.it e Today.it)

Continue Reading

C.N.S.A.S.

Scivolano per 300 metri sul Terminillo: feriti due escursionisti

Published

on

Il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) del Lazio è intervenuto questa mattina sul monte Terminillo, in provincia di Rieti, per recuperare due escursionisti infortunatisi in località Valle del Sole. I due, entrambi uomini residenti in provincia di Roma di 38 e 52 anni, hanno percorso il canalone centrale del Monte Terminillo con il loro cane. Giunti in vetta, resisi conto che il loro cane non poteva ripercorrere l’itinerario di andata, hanno deciso di scendere sulla via normale. Durante la discesa, presumibilmente per la caduta di uno dei due, entrambi sono scivolati per oltre 300 metri.

Uno dei due uomini ha riportato diversi traumi e l’altro un lieve trauma cranico e un trauma alla spalla. Sul posto, per i soccorsi sono intervenuti i tecnici del Soccorso Alpino della Stazione di Rieti, gli uomini della Polizia di Stato in servizio al Terminillo, l’elicottero sanitario del 118 della Regione Lazio con a bordo un tecnico di elisoccorso del CNSAS e l’elicottero dei Vigili del Fuoco.

Il primo infortunato è stato imbarellato dai tecnici del Soccorso Alpino, tra questi un operatore sanitario, e caricato a bordo dell’elicottero dei Vigili del Fuoco. Il secondo infortunato è stato posizionato su una barella portantina e trasportato a valle per poi essere consegnato all’ambulanza del 118 giunta nel punto accessibile più prossimo al luogo dell’incidente.

 

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!