Connect with us

Primo Piano

Stanotte moriranno altri ragazzi. Tu, #restanefuori.

Published

on

Ogni anno sono decine e decine i giovani a morire sulle strade, principalmente nella notte tra il sabato e la domenica sera. Al momento, la mortalità a causa di incidenti stradali per la fascia 18/30 anni è quella con i tassi più elevati.
IL NUMERO E L’ETA’ DELLE  VITTIME
Nei primi 4 mesi del 2012  in un totale di 35 notti del fine settimana, l’Osservatorio ha registrato 119 incidenti significativi nei quali hanno perso la vita 81 persone  e 195 sono rimaste ferite. Fra le vittime mortali 21 avevano fino a 20 anni, 23 fino a 25, 16 fino a 30 e 17 oltre 30 (ma coinvolte in un sinistro che vedeva protagonista un giovane sotto i 30 anni). Quattro sono invece le età imprecisate.
DOVE AVVENGONO GLI INCIDENTI?
La maggior parte degli incidenti gravi si è verificata al nord Italia con 65 sinistri pari al 55%,  con 18 episodi in Lombardia, 16 in Emilia Romagna, seguono il centro con 24  scontri (20%), 12 episodi nel Lazio e 10 in Toscana e il sud con 30 sinistri (25%), 10 in Sicilia e  9 in Puglia.
SU QUALI STRADE E CON QUALI MEZZI?
56 incidenti  (47%)  sono avvenuti nelle strade extraurbane (statali e provinciali), 46 (39%) nelle strade urbane, 17 nelle autostrade (14%). Nell’84% degli incidenti i giovani guidano autovetture. Nel 15% moto. Solo l’1% velocipedi travolti da altri veicoli.
IL COLLEGAMENTO CON ALCOL E SOSTANZE
L’ebbrezza alcolica o da stupefacenti è stata accertata con sicurezza solo in 13 casi pari al 11% (ma non è stato possibile effettuare le misurazioni in tutti gli incidenti).
Rimane però rilevante il dato che comunque le fuoriuscite per sbandamento sono state 58 su 119, in sostanza quasi nel 50% dei casi il conducente è andato  fuoristrada da solo. C’è da domandarsi quale sia il ruolo delle reali condizione fisiche dei conducenti, del sonno e la stanchezza in particolare.
I CELLULARI
Altro ruolo sicuramente rilevante negli incidenti è quello dei cellulari ai quali però non è possibile attribuire con esattezza un dato percentuale.
TU, RESTANE FUORI
 
Per contrastare questo fenomeno, ogni anno vengono avviate decine di campagne e organizzati anche dei posti di blocco dalle forze dell’ordine. Ma non esiste nessuna campagna di prevenzione migliore della propria coscienza.
 
Se devi guidare, lascia che siano i tuoi amici a bere. Sacrificheresti mai per una o due ore di “sballo” le altre 500,000 circa che ti rimangono da vivere? Pensa a quanto potresti fare in quelle ore, alle emozioni che proverai, ai sogni che realizzerai. Vale davvero la pena buttare tutto questo?
Hai tutto il tempo per rispondere a un messaggio e sicuramente la persona che te l’ha mandato preferirebbe averti con lei anziché ricordarti con poche righe. Nella vita avrai tempo per inviare circa 1 milione e mezzo tra messaggi e post. Questo è così fondamentale?
Hai tutto il tempo per truccarti, ricordati che il tuo ragazzo se ti ha invitata è perché ti ama per come sei. Non sarà certo il mascara il suo problema, sarà la tua assenza.
Pensa a queste poche cose, pensa alla tua vita, alla vita di chi è con te e di chi sta dall’altra parte della corsia.  Non lasciare che una distrazione o una stupidaggine rovini per sempre la tua esistenza e quella degli altri.
Tu, #restanefuori
Segui la campagna di nue112.it “#restanefuori”. Segui la nostra pagina Facebook e rimani aggiornato/a.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Curiosità

Principe Saudita regala un castello alla Croce Rossa

Published

on

Si tratta di una delle più importanti e generose donazioni benefiche fatte quest’anno in Italia. Il principe saudita Al-Walid bin Ṭalāl bin Abdualazīz Āl Saūd, presidente della Kingdom Holding Company, una delle più grandi Holdings al Mondo (pensate, con un fatturato di oltre 13 Miliardi di dollari) ha regalato un meraviglioso castello del valore di 16 milioni di euro alla Croce Rossa Italiana. Si tratta della residenza nobiliare di Castagneto Po, in Piemonte, dotata di 40 stanze, con stucchi e dipinti rinascimentali e un parco di 70 ettari.

Villa Ceriana era stata acquistata dal principe saudita alcuni anni fa dalla famiglia di Carla Bruni. L’annuncio del passaggio di proprietà è avvenuto oggi con un protocollo firmato tra la Alwaleed Philanthropies e la Croce Rossa che ora si  occuperà delle ristrutturazioni per trasformare questa prestigiosa proprietà del XI secolo in un centro di training, formazione e meeting per volontari e popolazione.

La struttura potrà ospitare i volontari della Croce Rossa (oltre 160.000 in Italia) e assicurare la preparazione operativa al servizio del più grande network umanitario del mondo, costituito dalla Croce Rossa Internazionale e dal Movimento della Mezzaluna Rossa. La Alwaleed Philanthropies finora ha stanziato più di quattro miliardi di dollari a favore del welfare sociale per combattere la povertà nel mondo. Alwaleed Philanthropies afferma di lavorare per costruire ponti verso un mondo più compassionevole, tollerante e aperto.

Continue Reading

118

Ammaraggio di emergenza ed incidente Aereo: maxi simulazione a FCO

Published

on

Nella notte tra il 22 ed il 23 Novembre, si è tenuta una delle più grandi esercitazioni dell’ultimo anno, la quale ha visto impegnati diversi corpi tra polizia, Esercito, Croce Rossa Italiana e molti altri. L’esercitazione, si è svolta presso l’aeroporto di Fiumicino e lo specchio d’acqua di mare antistante ad una pista.

L’esercitazione, pianificata congiuntamente dalla Guardia Costiera – Direzione Marittima del Lazio e dall’Ente Gestore aeroportuale di Fiumicino (ADR – Aeroporti di Roma), ha simulato il verificarsi di ben due incidenti aerei, tra loro concatenati, che hanno coinvolto due velivoli entrambi in manovra di decollo dall’aeroporto di Fiumicino FCO.

Per consentire questa esercitazione, ci sono stati ripetuti incontri tra la Guardia Costiera e la Società ADR (Aeroporti di Roma, che gestisce FCO) per realizzare un vero e proprio copione che riporta uno scenario catastrofico. Tale copione, prevedeva che un velivolo, subito dopo il decollo, subisse un guasto ad un motore (ore 23.30) che lo avrebbe costretto ad un ammaraggio di emergenza nello specchio d’acqua antistante all’aeroporto di Fiumicino.

Oltre a 5 motovedette della Guardia Costiera, sono state coinvolte nell’esercitazione altre 2 unità navali della Guardia di Finanza, una dei Carabinieri e una della Polizia, nonché i sommozzatori dei Vigili del Fuoco, i servizi tecnico nautici del porto e le varie componenti mediche e di protezione civile attivate dalla rete di ARES118, l’Agenzia Regionale per le  Emergenze Sanitarie della Regione Lazio che, come da protocollo, hanno allestito un Presidio Medico Avanzato presso il piazzale Tirreno a Fiumicino, identificato come punto di sbarco a terra dei naufraghi per ricevere il triage, le prime cure ed un eventuale trasferimento presso strutture adatte alle loro esigenze sanitarie.

Tale complesso presidio sanitario, di fondamentale importanza in eventi emergenziali di questo tipo al fine di gestire, anche sotto il profilo psicologico, la complessa e delicata fase di accoglienza, soccorso e cura dei feriti, è stato organizzato da ARES 118. Presenti in forze anche i volontari del Comitato locale della Croce Rossa Italiana di Fiumicino, che non si sono risparmiati nel supportare fino a notte inoltrata le operazioni di soccorso. Lo scenario dell’esercitazione ha altresì visto l’impiego di un elicottero HH 139 dell’Aeronautica Militare, dell’85^ Centro Combat S.A.R. dell’aeroporto di Pratica di Mare, impegnato, con personale altamente specializzato, in attività di recupero di 3 feriti tramite verricello.

L'HH 139 dell'85esimo stormo in una foto di repertorio - fonte: Aeronautica Militare

L’HH 139 dell’85esimo stormo in una foto di repertorio – fonte: Aeronautica Militare

Questo evento, ha consentito l’attivazione parallela dei piani di emergenza attuati dall’Aeroporto di Fiumicino e del piano di emergenza per la ricerca ed il soccorso ad aeromobile incidentato nel mare della Guardia Costiera – Direzione marittima della Regione Lazio. Il tutto, ha messo alla prova anche l’intero sistema di emergenza Regionale ARES118, insieme ad i suoi operatori ed ai volontari della Croce Rossa i quali, con professionalità, hanno anche contribuito come simulatori.

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!