Connect with us

Curiosità

SaveMyLife: la app che ti “insegna” a soccorrere

Published

on

SaveMyLife, al momento, è in fase di realizzazione. Si tratta ancora infatti di un progetto “in cantiere” ideato da un giovane studente liceale di Roma.

L’applicazione, candidata al concorso #NATIPER di AXA (QUI la pagina della app) ha da subito destato la curiosità di alcuni lettori che hanno immediatamente provveduto a segnalarcela. Il funzionamento, è tanto utile quanto complesso, ma noi cercheremo di spiegarvelo al meglio.

L’applicazione SaveMyLife, conterrà un complesso algoritmo elaborato con l’aiuto di medici anestesisti e rianimatori, in grado di guidare qualsiasi utente in un’operazione di primo soccorso. Tutto ciò che dovrà fare l’utente è selezionare da un menù rapido i segni ed i sintomi che presenta il paziente oppure cliccare direttamente sulla patologia (qualora fosse conosciuta). All’utente, verrà poi mostrata una schermata informativa per vedere se la patologia corrispondente è corretta o meno e, qualora lo fosse, verrà aperta la guida virtuale, completa di tutte le manovre di primo soccorso e gli accorgimenti, elargiti da un messaggio vocale e a video. L’utente verrà dunque guidato attraverso tutto il soccorso, con le indicazioni degli esperti.

In caso di arresto cardiaco, invece, l’applicazione avvierà un sistema secondario, “mosso” da un algoritmo ancora più complicato del primo. Il telefono, verrà posto vicino al soccorritore al quale verrà mostrato come disporsi vicino al paziente. Successivamente, quando il soccorritore sarà pronto, potrà avviare la modalità di emergenza effettuando la rianimazione guidata. La rianimazione, verrà infatti guidata in ogni sua fase dall’applicazione la quale con un suono definirà il ritmo delle compressioni e allo stesso tempo manterrà il conto dei cicli. Finite le compressioni, all’utente verrà detto (sempre con l’uso di illustrazioni GIF) come effettuare le insufflazioni e, anche in questo caso, verrà mantenuto il conto. L’applicazione rimarrà in esecuzione e conterà cicli, insufflazioni e compressioni fino a quando l’utente non premerà “PAUSA” o “CHIAMATA DI EMERGENZA“. Nel primo caso, l’applicazione metterà in pausa il sistema di rianimazione assistita, interromperà momentaneamente il conto senza mai azzerare i risultati, i quali verranno memorizzati nel menù “rianimazioni”, con data, ora, posizione gps e altri dati utili. Nel secondo caso, invece, l’utente verrà portato a una schermata con un testo precompilato, generato ogni volta in base ai sintomi indicati, contenute tutte le informazioni anagrafiche e quelle relative alla posizione, alle condizioni del paziente ed alle operazioni eseguite (numero di cicli RCP). Grazie a questo compositore di chiamata, l’utente saprà esattamente che cosa dire agli operatori della centrale operativa risparmiando tempo ed aumentando le possibilità di sopravvivenza del paziente.

Approfondiamo invece il compositore di chiamata che è senz’altro un dettaglio estremamente interessante di questa applicazione. In Italia, infatti, moltissime persone ancora non sono in grado di effettuare una chiamata al 118 o al 112. La confusione, genera panico e, dunque, perdita di tempo o imprecisione nel fornire le informazioni fondamentali. Grazie al compositore di chiamata, invece, tutto verrà effettuato automaticamente e l’utente dovrà solo leggere un testo a video alla centrale operativa. Questo compositore, raccoglierà tutte le informazioni relative ai sintomi indicati dall’utente, alla sua posizione, ai suoi dati anagrafici ed alle manovre eseguite. Genererà dunque un testo di questo genere:

Mi chiamo Mario Rossi, mi trovo a Roma in Viale Trastevere 160, sto assistendo un uomo di circa 40 anni incosciente che non respira. L’uomo è per terra, non perde sangue. Non ci sono persone coinvolte. Dall’inizio del mio intervento ho effettuato circa 4 cicli di RCP senza alcun risultato.

 

Chiaramente, il testo verrà generato ogni volta per ogni caso, includendo tutti i dettagli che verranno raccolti dall’applicazione sulle condizioni dell’utente e sulla posizione del soccorritore.

L’applicazione ci è sembrata senza dubbio innovativa, funzionale e senz’altro utile. Speriamo di vederla presto sui nostri smartphone!

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Curiosità

Principe Saudita regala un castello alla Croce Rossa

Published

on

Si tratta di una delle più importanti e generose donazioni benefiche fatte quest’anno in Italia. Il principe saudita Al-Walid bin Ṭalāl bin Abdualazīz Āl Saūd, presidente della Kingdom Holding Company, una delle più grandi Holdings al Mondo (pensate, con un fatturato di oltre 13 Miliardi di dollari) ha regalato un meraviglioso castello del valore di 16 milioni di euro alla Croce Rossa Italiana. Si tratta della residenza nobiliare di Castagneto Po, in Piemonte, dotata di 40 stanze, con stucchi e dipinti rinascimentali e un parco di 70 ettari.

Villa Ceriana era stata acquistata dal principe saudita alcuni anni fa dalla famiglia di Carla Bruni. L’annuncio del passaggio di proprietà è avvenuto oggi con un protocollo firmato tra la Alwaleed Philanthropies e la Croce Rossa che ora si  occuperà delle ristrutturazioni per trasformare questa prestigiosa proprietà del XI secolo in un centro di training, formazione e meeting per volontari e popolazione.

La struttura potrà ospitare i volontari della Croce Rossa (oltre 160.000 in Italia) e assicurare la preparazione operativa al servizio del più grande network umanitario del mondo, costituito dalla Croce Rossa Internazionale e dal Movimento della Mezzaluna Rossa. La Alwaleed Philanthropies finora ha stanziato più di quattro miliardi di dollari a favore del welfare sociale per combattere la povertà nel mondo. Alwaleed Philanthropies afferma di lavorare per costruire ponti verso un mondo più compassionevole, tollerante e aperto.

Continue Reading

Curiosità

Immigrato stacca a morsi il dito di un agente. La polizia spara col Taser

Published

on

I fatti si sarebbero consumati nella notte di venerdì 23 novembre, a Milano, in via Mambretti, via periferica a metà strada tra Certosa e Quarto Oggiaro.

Alcuni passanti chiamano le forze dell’ordine per mezzo del NUE segnalando un uomo che stava devastando dei finestrini di alcune auto in sosta. Successivamente, l’uomo, avrebbe preso un martello per rompere le pensiline della vicina Stazione Certosa. Di lì a poco, sul posto, si precipitano  cinque volanti della  Polizia di Stato. L’uomo, un Egiziano però,  aggredisce però i poliziotti e, quando uno degli agenti si avvicina per disarmarlo, il giovane (di circa 34 anni) gli stacca a morsi un pezzo di polpastrello della mano sinistra.

Immediatamente, sono stati richiesti i soccorsi per il poliziotto il quale, trasportato all’ospedale di Sesto San Giovanni è stato sottoposto a delle visite dalle quali, purtroppo, è emerso che l’unica possibilità era quella di amputare il polpastrello. Al momento, è ancora ricoverato, la sua prognosi è di circa 50 giorni.

Per arrestare il malvivente, per la prima volta in Italia, i poliziotti hanno seguito il protocollo e sono stati costretti ad utilizzare il taser, la pistola “elettrica” in dotazione da qualche mese alle forze dell’ordine. Esulta il ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Complimenti alle forze dell’ordine – ha commentato il leghista – Quanto successo a Milano conferma l’importanza di estendere l’uso del taser, come previsto nel decreto sicurezza, per essere ancora più efficaci nel contrastare i malviventi. Dalle parole ai fatti”.

L’egiziano, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato trasportato in forte stato di agitazione all’ospedale Luigi Sacco e ora dovrà rispondere dell’accusa di resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale.

FONTE

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!