Connect with us

118

AVY One ed i droni da ricerca e soccorso

Published

on

 

I droni sono senza alcun dubbio degli strumenti che negli ultimi anni, nel campo del soccorso, si stanno rivelando decisamente utili per le loro prestazioni. Il fatto di poter raggiungere qualsiasi luogo con oggetti di piccole dimensioni a pilotaggio remoto, consentirà (e già lo fa tutt’ora in alcuni luoghi) di trasportare defibrillatori e non solo.

La ricerca, è in continuo avanzamento ma da poco, si è raggiunto un traguardo importantissimo. Stiamo parlando della nascita di AVY, un innovativo drone SAR sviluppato dall’omonima azienda, in collaborazione con l’ESA.

Il drone Search And Rescue di Avy è capace di percorrere lunghe distanze, può localizzare imbarcazioni e, se necessario, lanciare materiale di salvamento come giubbotti di salvataggio, rescue can, cibo e medicine. Un’applicazione utile alla quale subito si è pensata, riguarda il soccorso dei migranti nel Mar Mediterraneo.

Diamo insieme un’occhiata al video di presentazione di Avy One

A coronare il successo e l’innovazione di Avy One Search and Rescue è stato il titolo di finalista conseguito al  “Drones for good”, una nota e prestigiosa competizione internazionale di droni a Dubai. Ha gareggiato contro migliaia di velivoli concorrenti, sviluppati e provenienti da tutte le parti del Mondo.

Un’altra versione di questo drone, il modello Avy Life, è ottimizzato e specializzato per far fronte al trasporto di organi per trapianti da un ospedale all’altro. Per questo tipo di missione, il drone Avy Life è equipaggiato con un frigorifero per mantenere e garantire le perfette condizioni dell’organo  durante il volo. Una simile applicazione di questo mezzo, ridurrebbe notevolmente il tempo di trasferimento da ospedale ad ospedale, consentendo una maggiore rapidità d’intervento per trasportare anche il sangue, là dove necessario.

Per quanto riguarda l’applicazione dei droni nell’ambito del soccorso in mare, ne esistono decine e decine di modelli. Tra tutti, però, abbiamo deciso di presentarvi PULSOS.

Questo drone, pilotato dalla riva da un lifeguard, riesce a coprire grandi distanze e resistere a forti raffiche di vento, arrivando esattamente sopra al target (la persona che necessita di essere soccorsa) e rilasciare un salvagente anulare. Un presidio di primo soccorso utile alla vittima per galleggiare nell’attesa dell’arrivo del soccorritore. Al momento, non sono ancora in utilizzo, specialmente in Italia dove si attende una regolamentazione chiara in merito all’utilizzo di questo genere di mezzi di soccorso.

Su terra, invece, vediamo un progetto Olandese di un drone-AED (drone defibrillatore) che, pilotato dalla centrale, arriva sul target e consente di defibrillare la vittima seguendo indicazioni dalla centrale ed inviando dati all’ équipe medica.


L’ ingegnere Alec Momont, ideatore dei droni ambulanza utilizzati in Olanda, spiega che questo è una vera “valigetta volante” con un kit di proto soccorso. Il drone, localizza chi fa la chiamata tramite il segnale Gps. All’interno del drone, è contenuto un defibrillatore, una dose di insulina ed una maschera d’ossigeno. Il drone ambulanza può trasportare fino a 5 kg e permette di percorrere una distanza di 14 km quadrati in appena 1 minuto. In questo modo, quindi, grazie al drone ambulanza, il paziente riuscirà ad ottenere un soccorso immediato in pochissimo tempo.

 

In Italia, l’argomento droni è stato affrontato principalmente dalla Croce Rossa Italiana la quale ha recentemente inaugurato il centro di formazione per piloti di Droni a Bologna. I tecnici che verranno selezionati, potranno pilotare questo meraviglioso velivolo

 

Questi droni, pilotati dai tecnici formati dal centro di Bologna, verranno utilizzati per operazioni di Ricerca e Soccorso, sia urbana che extra-urbana ma non solo. I droni come il piccolo “IA-3 Colibrì” e il più grande ”SD-150 Hero”, entrambi prodotti dalla IDS, verranno utilizzati dall’area operativa SAPR ( Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto) sono, al momento, i più innovativi del settore in Italia.

Ma non è solo la Croce Rossa ad utilizzare i droni. Ne abbiamo potuto vedere un ampio utilizzo da parte dei Vigili del Fuoco, durante il terremoto di Amatrice e la slavina di Rigopiano. Grazie ad essi, è stato possibile avere un punto di vista dall’alto immediato, preciso e ad altissima definizione. L’acquisizione delle immagini dai droni, ha consentito di effettuare mappature del territorio e creare nuovi punti di riferimento per i soccorritori, visto che strade ed edifici non c’erano più.

 

Insomma, i droni, non sono solo un utile strumento per il video-making e per la fotografia (che precedono la diffusione sui mass-media) ma anche per il soccorso ed il salvataggio. In un prossimo futuro, vedremo queste tecnologie sbarcare anche in Italia dove esistono diversi progetti simili, anche per il soccorso oltre che per la ricerca aerea.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

118

Calabria, Treno investito da una tromba d’aria

Published

on

Il Maltempo sta martoriando nuovamente l’Italia nelle ultime ore, e sicuramente non cesserà in tempi brevi. E’ di poco fa però la notizia che vede come protagonista un treno letteralmente investito da una potente tromba d’aria, la quale ha violentemente rotto dei finestrini. Fortunatamente, come si apprende dai Vigili del Fuoco, il treno è rimasto sui binari senza deragliare, condizione che qualora si fosse verificata avrebbe portato a conseguenze tragiche.

Risultano diversi feriti dei quali uno trasportato in ospedale. I fatti, si sono verificati nella vicina stazione di Roccabernarda.

 

Continue Reading

118

Milano: soccorritori derubati durante un soccorso

Published

on

Dalle prime ricostruzioni, sembrerebbe che siano stati rubati Zaino, soldi e documenti ad un soccorritore durante una missione a Milano. L’intervento, vedeva i soccorritori impegnati in Piazzale Ascoli, in zona Città Studi a Milano, per prestare soccorso ad un uomo colto da un malore in casa.

Una volta caricato l’uomo in ambulanza, i soccorritori, si sono accorti che la porta del veicolo era stata scassinata: un malvivente gli aveva da poco rubato i loro effetti personali. Questo atto criminale, oltre a danneggiare un veicolo in servizio di emergenza ha anche messo a rischio la vita del paziente, il quale ha dovuto attendere un randez-vous con un altro mezzo, poichè il primo, a causa della portiera, non rispettava i requisiti di sicurezza per espletare il trasporto del paziente.

«Mi è stato detto che purtroppo, a Milano, è capitato altre volte che i ladri entrassero in azione rubando sui mezzi di soccorso – racconta Cristian Pelà che ha espresso tutta la propria rabbia per l’accaduto con un post su Facebook – Io ero in servizio per conto di un’associazione di soccorso sanitario di Milano. Mai mi sarei aspettato che qualuno, nei pochi minuti in cui eravamo saluti al piano superiore della palazzina per soccorrere il paziente, forzasse la porta dell’ambulanza per razziare, in un blitz velocissimo, zaino e soldi. Potete immaginare la rabbia e il dispiacere del mio collega nel vedere che gli erano stati portati via pure portafogli e documenti. Abbiamo subito allertato le forze dell’ordine. Spero che questo, o questi malviventi, vengano individuati al più presto – aggiunge Pelà – Credo non esista azione più infame di quella compiuta quando sono in corso operazioni per soccorrere una persona in pericolo o in gravi condizioni di salute. È stato un fatto molto grave. Se qualcuno dovesse notare figure sospette aggirarsi intorno alle ambulanze lo segnali subito a soccorritori o forze dell’ordine».

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!