Connect with us

Tendenze

Chiede aiuto ai volontari, loro lo riprendono e lo postano su Facebook

Published

on

Una vera  e propria bufera quella che nelle ultime ore si sta abbattendo sui volontari della Misericordia di Rifredi.

L’episodio è avvenuto ieri in tarda serata in viale Morgagni, a Firenze. Due volontari, avrebbero intercettato un uomo che stava, in stato confusionale, chiedendo loro aiuto, dicendo continuamente “Ho perso tutto”, frase esclamata, come mostra il video, più e più volte, con tono disperato.

L’uomo, cercava solo un rifugio e chiedeva di essere trasportato a Careggi.

Nel frattempo, un volontario stava filmando tutta la scena. Il video, pubblicato su Facebook poco dopo, ritrae l’uomo mentre dileggia la persona in difficoltà. L’altro soccorritore presta ascolto alle richieste di aiuto del giovane ma non interviene per dire al collega di smetterla.

In poche ore, il video viene condiviso da decine e decine di persone su Facebook, suscitando nel “popolo di Facebook” sdegno per quanto era stato fatto. La vocazione per chi presta questo genere di servizi, lo scopo principale, l’anima del mestiere, è soccorrere ed aiutare chiunque sia in difficoltà, non riprenderlo e violare la sua privacy, specialmente in una “piazza digitale” come Facebook.

L’immagine che ritrae i volti oscurati del volontario e dell’uomo in difficoltà.

L’avvocato Nicola Rotondaro, il governatore della Misericordia di Rifredi, interpellato dal Corriere Fiorentino, non sapeva nulla dell’episodio, ma dopo aver visto il video ha commentato: “Abbiamo già accertato l’identità di quelli che, almeno in teoria, dovrebbero essere due soccorritori. Uno è un dipendente, quello che fa il video un volontario. Il primo sarà licenziato, il secondo immediatamente espulso. Saremo inflessibili: questo è un danno devastante per la Misericordia, che da poco ho l’onore di guidare dopo 30 anni e passa da volontario. E dirò di più: se la persona filmata avvierà un procedimento penale contro l’autore del video, la Misericordia si costituirà parte civile: anche noi gli chiederemo i danni”.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Curiosità

Principe Saudita regala un castello alla Croce Rossa

Published

on

Si tratta di una delle più importanti e generose donazioni benefiche fatte quest’anno in Italia. Il principe saudita Al-Walid bin Ṭalāl bin Abdualazīz Āl Saūd, presidente della Kingdom Holding Company, una delle più grandi Holdings al Mondo (pensate, con un fatturato di oltre 13 Miliardi di dollari) ha regalato un meraviglioso castello del valore di 16 milioni di euro alla Croce Rossa Italiana. Si tratta della residenza nobiliare di Castagneto Po, in Piemonte, dotata di 40 stanze, con stucchi e dipinti rinascimentali e un parco di 70 ettari.

Villa Ceriana era stata acquistata dal principe saudita alcuni anni fa dalla famiglia di Carla Bruni. L’annuncio del passaggio di proprietà è avvenuto oggi con un protocollo firmato tra la Alwaleed Philanthropies e la Croce Rossa che ora si  occuperà delle ristrutturazioni per trasformare questa prestigiosa proprietà del XI secolo in un centro di training, formazione e meeting per volontari e popolazione.

La struttura potrà ospitare i volontari della Croce Rossa (oltre 160.000 in Italia) e assicurare la preparazione operativa al servizio del più grande network umanitario del mondo, costituito dalla Croce Rossa Internazionale e dal Movimento della Mezzaluna Rossa. La Alwaleed Philanthropies finora ha stanziato più di quattro miliardi di dollari a favore del welfare sociale per combattere la povertà nel mondo. Alwaleed Philanthropies afferma di lavorare per costruire ponti verso un mondo più compassionevole, tollerante e aperto.

Continue Reading

118

Lidl dona un’ambulanza per la CRI di Amatrice

Published

on

Giovedì 15 novembre sarà presentata, ad Amatrice, la Nuova ambulanza della Croce Rossa Italiana  regalata ai comuni colpiti dal terremoto dai supermercati Lidl.

Stando alle prime indiscrezioni, il mezzo sarebbe stato allestito con i più alti standard tecnologici e comfort per equipaggio e pazienti su un veicolo di ultima generazione. Il mezzo, uno dei tanti emblemi della solidarietà Italiana, sarà utilizzato dal Comitato Locale di Croce Rossa per coordinare ed effettuare le attività di soccorso locali e dei comuni limitrofi, i quali prima erano serviti da mezzi che provenivano da lontano.

Subito dopo il terremoto del 24 Agosto 2016, molte realtà italiane si sono mobilitate per Amatrice ed i comuni colpiti dal terremoto, tra queste vediamo anche Lidl Italia, azienda che conta più di 600 punti vendita su tutto il territorio nazionale. Lidl Italia, è stata una delle prime aziende a mobilitarsi per le realtà del centro Italia, effettuando una donazione iniziale di 100 mila euro a favore della Croce Rossa. Oggi come allora, l’azienda, torna a sostenere fortemente l’Italia e nello specifico le popolazioni vulnerabili, con questo meraviglioso gesto.

Lidl, ha dato inoltre via al progetto “In Prima Linea Insieme a Voi”, attività di beneficenza volta al rafforzamento dei mezzi e delle dotazioni in supporto ai territori Italiani a rischio Sisma con particolare attenzione ai comuni coinvolti dalla terribile scossa che ha danneggiato Amatrice.

(immagini di repertorio)

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!