Una vera  e propria bufera quella che nelle ultime ore si sta abbattendo sui volontari della Misericordia di Rifredi.

L’episodio è avvenuto ieri in tarda serata in viale Morgagni, a Firenze. Due volontari, avrebbero intercettato un uomo che stava, in stato confusionale, chiedendo loro aiuto, dicendo continuamente “Ho perso tutto”, frase esclamata, come mostra il video, più e più volte, con tono disperato.

L’uomo, cercava solo un rifugio e chiedeva di essere trasportato a Careggi.

Nel frattempo, un volontario stava filmando tutta la scena. Il video, pubblicato su Facebook poco dopo, ritrae l’uomo mentre dileggia la persona in difficoltà. L’altro soccorritore presta ascolto alle richieste di aiuto del giovane ma non interviene per dire al collega di smetterla.

In poche ore, il video viene condiviso da decine e decine di persone su Facebook, suscitando nel “popolo di Facebook” sdegno per quanto era stato fatto. La vocazione per chi presta questo genere di servizi, lo scopo principale, l’anima del mestiere, è soccorrere ed aiutare chiunque sia in difficoltà, non riprenderlo e violare la sua privacy, specialmente in una “piazza digitale” come Facebook.

L’immagine che ritrae i volti oscurati del volontario e dell’uomo in difficoltà.

L’avvocato Nicola Rotondaro, il governatore della Misericordia di Rifredi, interpellato dal Corriere Fiorentino, non sapeva nulla dell’episodio, ma dopo aver visto il video ha commentato: “Abbiamo già accertato l’identità di quelli che, almeno in teoria, dovrebbero essere due soccorritori. Uno è un dipendente, quello che fa il video un volontario. Il primo sarà licenziato, il secondo immediatamente espulso. Saremo inflessibili: questo è un danno devastante per la Misericordia, che da poco ho l’onore di guidare dopo 30 anni e passa da volontario. E dirò di più: se la persona filmata avvierà un procedimento penale contro l’autore del video, la Misericordia si costituirà parte civile: anche noi gli chiederemo i danni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

Arresto cardiaco al Liceo di Chiavari, studente rianimato da un compagno

Questa volta i fatti si sono consumati durante il mese di Maggio…