L’SOS è stato lanciato da quattro bresciani a 2800m, dal Passo Miller, in Alta Valle Camonica. Hanno avvisato il Cnsas di essere in difficoltà. Era però molto complicato stabilire una connessione e avere maggiori informazioni, perché in quell’area la copertura del segnale è debole e irregolare. La Centrale operativa, come accade in questi casi, ha inviato sul posto l’elisoccorso con a bordo l’équipe medica ed il tecnico.

 

Una volta sul posto, i soccorritori hanno verificato che non erano i chiamanti ad avere dei problemi ma bensì il cane che era con loro. Nonostante tutto, una ragazza del gruppo è stata portata a valle con l’animale.

 

Il Cnsas ha inviato una nota con un ammonimento. Testuale: «È molto importante, quando si va in montagna con animali, tenere in considerazione anche le loro condizioni di salute, le reali possibilità che hanno di affrontare certi percorsi e lo stile di vita più o meno sedentario che conducono. Inoltre, quando ci si trova in difficoltà, bisogna ricordare sempre che l’elisoccorso è una risorsa cruciale per la comunità, impiegata per salvare la vita delle persone. Ogni minuto di volo ha costi assai elevati, con la presenza a bordo di una équipe altamente qualificata: ogni perdita di tempo può avere conseguenze drammatiche, se si distoglie il servizio dalle reali esigenze».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

Catania: Bambino di 2 anni lasciato in macchina dal padre

Succede a Catania, dove un bambino di soli due anni in mattinata…

Scattano foto dell’incidente: la punizione del poliziotto è esemplare

La vicenda, a dir poco vergognosa, si è verificata in Germania qualche…