È stato recuperato il corpo del sub disperso dalla serata del 25 ottobre, individuato nella giornata del 30 ottobre dai sommozzatori del nucleo di Venezia alla profondità di 100 metri. Guido Ottobrelli, questo il nome dell’uomo scomparso, era un sub esperto e si era immerso nelle acque del lago d’Orta presso Punta Crabbia. Per poter effettuare il recupero del corpo a quella notevole profondità è intervenuto la mattina di giovedì 31 ottobre il nucleo sommozzatori di Trento, dotato di attrezzatura robotica interfacciata da un apposito natante, in grado di far risalire la salma a profondità minori. I sommozzatori dei Vigili del Fuoco hanno così prelevato il corpo a circa 50 metri di profondità per riportarlo poi in supe

Sign Up for Our Newsletters

Get notified of the best deals on our WordPress themes.

You May Also Like

Massa Carrara, incendio abitazione in località Pontebosio

Alle 00.30 di giovedì 2 gennaio, una squadra di cinque Vigili del…

Scattano foto dell’incidente: la punizione del poliziotto è esemplare

La vicenda, a dir poco vergognosa, si è verificata in Germania qualche…