Connect with us

118

Malore in Moschea: l’Imam blocca i soccorritori

Published

on

“Nella moschea non si può entrare con le scarpe”. Con queste parole domenica pomeriggio l’Imam ha accolto gli operatori della Croce Gialla di Ancona, intervenuti nella moschea di via Dalmazia dopo una richiesta di aiuto. Momenti di tensione e stupore con l’Imam che in un primo momento ha impedito agli operatori di entrare nella moschea e soccorrere un uomo di 42 anni, che si era sentito male all’interno del centro islamico. A quel punto però i soccorritori hanno spiegato all’Imam che per motivi di sicurezza non avrebbero potuto togliere le scarpe.

 

L’uomo ha quindi deciso di fare entrare l’equipaggio e soccorrere il paziente, che è stato poi trasportato al pronto soccorso dell’ospedale regionale di Torrette. Per fortuna le sue condizioni non sono gravi.«Il soccorso si fa così e buonanotte, non possiamo scendere a compromessi per tradizioni religiose o altri motivi». Alberto Caporalini, presidente della Croce Gialla di Ancona, spiega le procedure dei soccorritori in caso di accesso in luoghi privati. La polemica è nata quando agli operatori era stato inizialmente impedito l’accesso alla moschea di via Dalmazia per soccorrere un fedele colpito da un malore. Il motivo? Avevano le scarpe ai piedi e non volevano toglierle. «Abbiamo le nostre dotazioni di antinfortunistica e le scarpe non possiamo toglierle per motivi tecnici e legali. Il regolamento parla chiaro e non sono previste deroghe, sarebbe come dire ai poliziotti di entrare in una moschea senza armi o ai vigili del fuoco senza scarponi- spiega Caporalini- se il paziente non vuole che entriamo ce lo portano sulla soglia della porta, oppure ci rimettiamo alle volontà dell’assistito e in caso non lo portiamo via». A via Dalmazia però non era l’assistito a ostacolare i soccorritori. Alla porta c’era l’Imam in persona, che solo dopo un consulto di cinque minuti con altri sacerdoti ha acconsentito ai volontari di accedere nell’area sacra con le scarpe ai piedi. Caporalini specifica di non essere a conoscenza diretta del fatto specifico, ma di averlo appreso da notizie di stampa: «Poteva essere una moschea o un’abitazione privata, certamente non possiamo fare un’irruzione così come non possiamo forzare un assistito che non vuole essere portato in ospedale visto che è nelle sue facoltà».

Ma ora, la domanda, sorge spontanea. Chi rischia di più? Scoprilo con l’articolo di Emergency Live

Fonte: AnconaToday

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

118

Contromano in Autostrada, il bilancio e’ tragico

Published

on

Uno scontro frontale tra due auto è avvenuto ieri sera lungo la Statale 38 dello Stelvio, in Valtellina, in territorio di Cercino: hanno perso la vita i cinque occupanti di una Fiat Panda di cui quattro residenti a Tirano (Sondrio) e uno a Bologna e il conducente della Fiat 500 X, quest’ultimo residente a Como. Un bilancio drammatico di sei vittime di età compresa fra i 20 e i 52 anni.

Lo scontro frontale è avvenuto all’altezza dello svincolo dove la strada passa da doppia corsia per senso di marcia a corsia unica, appena prima del nuovo tratto da poco inaugurato della variante di Morbegno: una delle due vetture (ancora non è certo quale) ha effettuato l’accesso dello svincolo in contromano. Il violento impatto ha causato l’incendio della Fiat 500 X a bordo della quale c’era il solo conducente, A.G. di 52 anni di Como, estratto dall’abitacolo morto dai Vigili del fuoco. Morti sul colpo anche tutti i cinque occupanti dell’altra vettura.

Continue Reading

118

Spray urticante dentro la scuola: 30 studenti intossicati

Published

on

++FLASH NEWS++

A poche ore dalla strage avvenuta nella discoteca di Ancona, lo spray al peperoncino torna il triste protagonista di un nuovo atto volto a ledere l’incolumità dei giovanissimi, stavolta studenti durante una lezione.

Una trentina di studenti dell’Istituto tecnico-industriale “Cardano” di via Giuseppe Verdi a Pavia sono stati accompagnati in ospedale dal 118 per un’intossicazione causata da spray al peperoncino. Lo ha segnalato l’Azienda regionale emergenza urgenza (Areu) di Milano, spiegando che si tratta di “codici verdi”, trasportati in gran parte al policlinico San Matteo. Quello che si è verificato, è stato un maxi-intervento che, coordinato da AREU si sta svolgendo ormai da qualche minuto ed è tutt’ora in corso.

Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato utilizzato dello spray urticante.

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!