Connect with us

FF.OO.

Emergenza freddo: i consigli della PolStrada

Published

on

Presto l’Italia verrà raggiunta da una massiccia ondata di freddo proveniente dalla Siberia. Di seguito sono riportati i consigli di Viabilità Italia e della polizia stradale. Potrebbe interessarti anche il bollettino della protezione civile per i prossimi giorni.

Viabilità Italia informa che, a causa di una imponente e repentina irruzione di una massa d’aria gelida proveniente dalla Lapponia, a partire dalla giornata di domani domenica, il Dipartimento della Protezione Civile ha annunciato un drastico cambiamento delle condizioni atmosferiche che coinvolgerà, almeno per tutta la prima metà della prossima settimana, in particolare le regioni centro-settentrionali della penisola, ma con un generale abbassamento delle temperature, straordinario rispetto alla media stagionale, anche su alcune regioni del meridione. Stante la spiccata dinamicità della situazione, a livello generale è comunque possibile delineare uno scenario caratterizzato da fenomenologie significative.

LE PREVISIONI METEO IN PARTICOLARE

* Per la giornata di domani, Domenica 25 febbraio, sono previste, già dal mattino, nevicate a quote di pianura al Nord Italia e sulle Marche, con quantitativi più significativi sulla fascia collinare ed appenninica emiliana, sul basso Piemonte e sulle zone adriatiche del centro.

* Sul resto del centro-sud si prevedono condizioni di tempo generalmente perturbato, con quota-neve che, sulla fascia fra Toscana centro-settentrionaleUmbria e Abruzzo, calerà progressivamente fino a quote di pianura entro il pomeriggio, mentre sul resto del Centrosu Campania, Basilicata e Puglia centro-settentrionale, la quota-neve, pure in calo, si fermerà a livelli collinari, con possibili sconfinamenti a quote pianeggianti tra la tarda serata e la notte successiva.

* Sul resto del meridione neve a quote più alte, con apporti al suolo moderati.

Temperature in marcata diminuzione, specie nei valori pomeridiani e serali, sulle regioni del nord e sulle centrali adriatiche.

* Per Lunedì 26 febbraio, si prevedono ancora nevicate fino al livello del mare in Romagna e tempo prevalentemente asciutto sul resto del nord Italia ma clima gelido, con temperature in pianura che scenderanno fra i -5 e i -10 e massime diurne che difficilmente supereranno lo zero; valori naturalmente molto più rigidi, con punte di gelo particolarmente intenso, nelle località in quota.

* Al centro Italia nevicate fino al livello del mare su UmbriaMarcheAbruzzo e Molise e sui settori orientali e meridionali del Lazio. Neve a quote collinari anche sulla Sardegna, specie sul settore settentrionale. Temperature in generale e spiccato calo, più marcato sulle regioni adriatiche.

* Al sud Italia, neve a tutte le quote sui settori settentrionali e orientali della Campania, sulla Puglia garganica e sulla Basilicata settentrionale, a quote basso-collinari sul resto della Basilicata e della Puglia, a quote alto-collinari sulla Calabria, a quote superiori sulla Sicilia. Temperature in decisa diminuzione sulla Puglia.

* Nelle giornate di Martedì 27 e Mercoledì 28 febbraio il quadro termico resterà all’insegna del gelo diffuso al nord – con minime notturne in pianura che potranno in alcuni casi scendere al di sotto dei -10°C, con punte più rigide nelle prime ore della giornata di Mercoledì 28, e massime diurne che seguiteranno a non superare lo zero – e del freddo intenso sulle regioni centrali e su Campania, Puglia e Basilicata, dove le minime in pianura scenderanno diversi gradi al di sotto dello zero e le massime diurne non saliranno molto al di sopra, con valori naturalmente molto più rigidi nelle località in quota. Nella giornata di Martedì 27 i fenomeni nevosi risulteranno localizzati sulle regioni adriatiche centrali, mentre compariranno, a quote molto basse, sulla Sardegna e sulla Calabria settentrionale. Infine nella seconda parte della giornata di Mercoledì 28 nuove precipitazioni tenderanno a raggiungere le regioni occidentali, ma in un quadro di temperature in graduale aumento.

Viabilità Italia, unitamente alle Prefetture –UU.TT.GG. competenti territorialmente, sta seguendo costantemente l’evolversi delle condizioni meteo e la regolarità del traffico veicolare e ferroviario.

INFORMAZIONI PER I CONDUCENTI PROFESSIONALI

Le precipitazioni nevose, che già hanno interessato, nelle scorse ore, alcuni territori piemontesi, emiliani, marchigiani, umbri e abruzzesi, hanno determinato l’adozione di misure di regolazione del traffico con fermo temporaneo dei mezzi pesanti in autostrada, in attesa della possibilità di riprendere la marcia in condizioni di sicurezza.

Lo scenario meteo descritto, soprattutto nelle aree ove le precipitazioni nevose e l’anomalo e repentino calo delle temperature riguarderanno pure zone di pianura, imporrà l’adozione in molte province di provvedimenti di limitazione della circolazione per i veicoli di massa superiore a 7,5t, senza soluzione di continuità con il divieto di circolazione già previsto per domani 25 febbraio per tali veicoli (dalle ore 09.00 alle ore 22.00).

Viabilità Italia darà puntuale notizia dei provvedimenti adottati da domani e per i prossimi giorni, rimandando alla consultazione dei siti web delle Prefetture-UU.TT.GG. per l’esame dei contenuti degli stessi.

Si consiglia, pertanto, ai conducenti professionali e alle aziende di acquisire le informazioni circa la percorribilità dell’itinerario del trasporto e, se in viaggio, di rimanere costantemente informati anche con i Pannelli a Messaggio Variabile disponibili lungo la rete autostradale, circa le misure di regolazione del traffico.

Si ricorda, inoltre, che in caso di pioggia che, a causa delle temperature prossime allo zero termico si congela al suolo (c.d. freezing rain) le procedure di sicurezza vigenti impongono il blocco totale del traffico veicolare lungo la strada interessata dal fenomeno, fino alla verifica positiva delle condizioni di aderenza al manto stradale.

CONSIGLI PER GLI AUTOMOBILISTI

Considerando i riflessi sulla circolazione stradale che potranno verificarsi a causa delle precipitazioni nevose e del repentino abbassamento delle temperature, si consiglia di mettersi in viaggio solo se necessario e solo dopo essersi informati sulle condizioni della viabilità e del meteo.

Si invitano tutti i conducenti, inoltre, a partire solo dopo aver controllato l’efficienza del veicolo e l’idoneità dello stesso a circolare con temperature al di sotto dello 0°C. E’ necessario che il veicolo sia equipaggiato con idonee catene da neve o abbia montato pneumatici invernali in buone condizioni: ricordiamo che l’uso di pneumatici invernali in luogo delle catene da neve risulta più sicuro nel transito su strade e autostrade in condizioni di fondo innevato. Laddove si disponesse solo delle catene, ricordiamo che non vanno montate o smontate quando si è lungo le corsie di emergenza o di marcia o all’interno delle gallerie, per evitare gravi rischi per la sicurezza delle persone e intralcio ai mezzi di sgombero della neve (l’operazione è consentita solo in Area di Servizio e di Parcheggio). Per l’attività di montaggio delle catene si consiglia di avere a disposizione dei guanti per proteggere le mani dal freddo.

Si raccomanda di utilizzare l’apposito liquido per tergicristalli antigelo e di evitare qualsiasi distrazione alla guida, soprattutto quella causata dall’utilizzo, vietato, dei cellulari. Si raccomanda di mantenere sempre idonea distanza di sicurezza dal veicolo che precede, di moderare la velocità, anche in relazione alla visibilità della strada, di allacciare le cinture di sicurezza anche nei sedili posteriori, di assicurare i bambini con seggiolini ed adattatori e di fare soste frequenti.

Si ricorda, infine, che in caso di pioggia che, a causa delle temperature prossime allo zero termico si congela al suolo (c.d. freezing rain) le procedure di sicurezza vigenti impongono il blocco totale del traffico veicolare – anche di quello leggero – lungo la strada interessata dal fenomeno, fino alla verifica positiva delle condizioni di aderenza al manto stradale.

INFORMAZIONI SUL TRAFFICO

Per informazioni aggiornate in tempo reale sul traffico sono disponibili i canali del C.C.I.S.S. (numero gratuito 1518, siti web www.cciss.it e mobile.cciss.it, applicazione iCCISS per iPHONE, il canale Twitter del CCISS), le trasmissioni di Isoradio, i notiziari di Onda Verde sulle tre reti Radio-Rai e sul Televideo R.A.I..

Per informarsi sullo stato del traffico sulla rete stradale di competenza Anas è possibile, inoltre, utilizzare l’applicazione VAI (Viabilità Anas Integrata) visitabile sul sito www.stradeanas.it  e disponibile anche per Smartphone sia in piattaforma Apple che Android in “Apple store” ed in “Google play”. Gli utenti hanno poi a disposizione il numero unico 800.841.148 del servizio clienti per informazioni sull’intera rete Anas.

Altre informazioni sulla rete autostradale in concessione con numeri e contatti utili sono disponibili sul sito www.aiscat.it, sui siti delle singole Società Concessionarie autostradali, o mediante l’applicazione Myway Truck.

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Curiosità

Immigrato stacca a morsi il dito di un agente. La polizia spara col Taser

Published

on

I fatti si sarebbero consumati nella notte di venerdì 23 novembre, a Milano, in via Mambretti, via periferica a metà strada tra Certosa e Quarto Oggiaro.

Alcuni passanti chiamano le forze dell’ordine per mezzo del NUE segnalando un uomo che stava devastando dei finestrini di alcune auto in sosta. Successivamente, l’uomo, avrebbe preso un martello per rompere le pensiline della vicina Stazione Certosa. Di lì a poco, sul posto, si precipitano  cinque volanti della  Polizia di Stato. L’uomo, un Egiziano però,  aggredisce però i poliziotti e, quando uno degli agenti si avvicina per disarmarlo, il giovane (di circa 34 anni) gli stacca a morsi un pezzo di polpastrello della mano sinistra.

Immediatamente, sono stati richiesti i soccorsi per il poliziotto il quale, trasportato all’ospedale di Sesto San Giovanni è stato sottoposto a delle visite dalle quali, purtroppo, è emerso che l’unica possibilità era quella di amputare il polpastrello. Al momento, è ancora ricoverato, la sua prognosi è di circa 50 giorni.

Per arrestare il malvivente, per la prima volta in Italia, i poliziotti hanno seguito il protocollo e sono stati costretti ad utilizzare il taser, la pistola “elettrica” in dotazione da qualche mese alle forze dell’ordine. Esulta il ministro dell’Interno, Matteo Salvini: “Complimenti alle forze dell’ordine – ha commentato il leghista – Quanto successo a Milano conferma l’importanza di estendere l’uso del taser, come previsto nel decreto sicurezza, per essere ancora più efficaci nel contrastare i malviventi. Dalle parole ai fatti”.

L’egiziano, già conosciuto alle forze dell’ordine, è stato trasportato in forte stato di agitazione all’ospedale Luigi Sacco e ora dovrà rispondere dell’accusa di resistenza e lesioni aggravate a pubblico ufficiale.

FONTE

Continue Reading

118

Ammaraggio di emergenza ed incidente Aereo: maxi simulazione a FCO

Published

on

Nella notte tra il 22 ed il 23 Novembre, si è tenuta una delle più grandi esercitazioni dell’ultimo anno, la quale ha visto impegnati diversi corpi tra polizia, Esercito, Croce Rossa Italiana e molti altri. L’esercitazione, si è svolta presso l’aeroporto di Fiumicino e lo specchio d’acqua di mare antistante ad una pista.

L’esercitazione, pianificata congiuntamente dalla Guardia Costiera – Direzione Marittima del Lazio e dall’Ente Gestore aeroportuale di Fiumicino (ADR – Aeroporti di Roma), ha simulato il verificarsi di ben due incidenti aerei, tra loro concatenati, che hanno coinvolto due velivoli entrambi in manovra di decollo dall’aeroporto di Fiumicino FCO.

Per consentire questa esercitazione, ci sono stati ripetuti incontri tra la Guardia Costiera e la Società ADR (Aeroporti di Roma, che gestisce FCO) per realizzare un vero e proprio copione che riporta uno scenario catastrofico. Tale copione, prevedeva che un velivolo, subito dopo il decollo, subisse un guasto ad un motore (ore 23.30) che lo avrebbe costretto ad un ammaraggio di emergenza nello specchio d’acqua antistante all’aeroporto di Fiumicino.

Oltre a 5 motovedette della Guardia Costiera, sono state coinvolte nell’esercitazione altre 2 unità navali della Guardia di Finanza, una dei Carabinieri e una della Polizia, nonché i sommozzatori dei Vigili del Fuoco, i servizi tecnico nautici del porto e le varie componenti mediche e di protezione civile attivate dalla rete di ARES118, l’Agenzia Regionale per le  Emergenze Sanitarie della Regione Lazio che, come da protocollo, hanno allestito un Presidio Medico Avanzato presso il piazzale Tirreno a Fiumicino, identificato come punto di sbarco a terra dei naufraghi per ricevere il triage, le prime cure ed un eventuale trasferimento presso strutture adatte alle loro esigenze sanitarie.

Tale complesso presidio sanitario, di fondamentale importanza in eventi emergenziali di questo tipo al fine di gestire, anche sotto il profilo psicologico, la complessa e delicata fase di accoglienza, soccorso e cura dei feriti, è stato organizzato da ARES 118. Presenti in forze anche i volontari del Comitato locale della Croce Rossa Italiana di Fiumicino, che non si sono risparmiati nel supportare fino a notte inoltrata le operazioni di soccorso. Lo scenario dell’esercitazione ha altresì visto l’impiego di un elicottero HH 139 dell’Aeronautica Militare, dell’85^ Centro Combat S.A.R. dell’aeroporto di Pratica di Mare, impegnato, con personale altamente specializzato, in attività di recupero di 3 feriti tramite verricello.

L'HH 139 dell'85esimo stormo in una foto di repertorio - fonte: Aeronautica Militare

L’HH 139 dell’85esimo stormo in una foto di repertorio – fonte: Aeronautica Militare

Questo evento, ha consentito l’attivazione parallela dei piani di emergenza attuati dall’Aeroporto di Fiumicino e del piano di emergenza per la ricerca ed il soccorso ad aeromobile incidentato nel mare della Guardia Costiera – Direzione marittima della Regione Lazio. Il tutto, ha messo alla prova anche l’intero sistema di emergenza Regionale ARES118, insieme ad i suoi operatori ed ai volontari della Croce Rossa i quali, con professionalità, hanno anche contribuito come simulatori.

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!