Connect with us

Curiosità

Fano: rinvenuto ordigno. Evacuate 23mila persone

Published

on

Massiccia operazione per evacuare circa 23 mila persone dal centro di Fano, dopo il ritrovamento martedì mattina di un ordigno bellico in un cantiere dell’Aser in viale Ruggeri sul lungomare Sassonia. Debbono essere allontanate le persone da case, strutture ed edifici pubblici nel raggio di circa 1.800 metri dal punto di ritrovamento della bomba. La decisione è stata adottata in serata dalla prefettura di Pesaro. L’evacuazione immediata è dovuta al fatto che l’ordigno è stato innescato accidentalmente durante alcuni lavori.

È previsto all’alba l’intervento di rimozione dell’ordigno. È quanto si legge nell’ordinanza del sindaco Massimo Seri, che parla di «un eccezionale e rischioso» dei militari, che dovranno far brillare l’ordigno in mare.

Nella notte il centro di Fano è deserto. Nessuno può entrare né a piedi né in auto nel perimetro di sicurezza, ovvero il raggio di circa 1.800 metri dal punto del ritrovamento, buona parte del centro storico. Le forze dell’ordine hanno cinturato l’area di rischio. Pochissime persone in giro, molte auto con i lampeggianti. Assolutamente off limits è la zona di massimo rischio, cioè nel raggio di 381 metri dall’ordigno nei pressi della spiaggia di Sassonia. Chi riesce ad arrivare lì viene immediatamente intercettato e bloccato delle forze di polizia, poi scortato più lontano.

Durerà fino a mercoledì alle 13 lo stato di allarme. «Si tratta di una misura precauzionale – spiega all’agenzia Ansa l’assessore alla Protezione civile Cristian Fanesi -. Mercoledì le scuole saranno chiuse, ma non appena la bomba sarà stata fatta brillare e avremo i permesso delle autorità militari la gente potrà tornare a casa».

Forze dell’ordine presidiano la zona dove è stato ritrovato il residuato bellico a Fano, 13 marzo 2018.

A Fano sono stati evacuati l’ospedale Santa Croce e la stazione ferroviaria. Bloccati anche i treni dalle 21:30, dato che la stazione (come l’ospedale) si trova nella zona di pericolo. Lo stop non interessa invece l’autostrada A14.

L’ordigno sarà fatto brillare in mare, con un’operazione congiunta tra Esercito Italiano e Marina Militare. La bomba, con una spoletta ritardata, sarà prelevata a ore e portata in mare aperto.

Nell’operazione sono impiegati mille soldati. Dovranno tra l’altro passare casa per casa, nell’area di sicurezza, in un raggio di 1.816 metri dal punto di ritrovamento della bomba.

Il sindaco di Fano Massimo Seri ha invitato i residenti nella zona di sicurezza, nel raggio di 1.800 metri dal punto di ritrovamento dell’ordigno bellico innescato accidentalmente, a dormire altrove, presso amici o parenti se ne hanno la possibilità. Parlando in diretta all’emittente locale Fano Tv, insieme al prefetto di Pesaro Urbino Carla Cincarilli, Seri ha elencato i quartieri che debbono essere evacuati. Si stanno comunque preparando dei centri di raccolta in palestre e altre strutture.

 

[AGGIORNAMENTO 6.45] la bomba è in mare, pronta per essere fatta brillare.

 

 

Advertisement
Click to comment

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Curiosità

Settimana del Black Friday, le offerte Amazon per i soccorritori

Published

on

Ormai da anni la settimana del Black Friday ha preso piede anche in Italia, portando con se offerte decisamente interessanti e spesso realmente utili. Amazon, tra i vari store on-line, offre senza dubbio un’ampia scelta di acquisto, un po’ per tutti, anche per noi soccorritori. Vi proponiamo di seguito alcune offerte per i soccorritori delle quali approfittare per portare a casa qualcosa di realmente utile per i vostri prossimi turni!

Immancabile e’ senza dubbio il mini-kit di primo soccorso, indispensabile nelle macchine e negli zaini di ogni soccorritore. Seppur dalle piccole dimensioni e dalle poche dotazioni, può fare la differenza negli interventi di piccola entità:

 

 

 

 

 

 

 

 

Potete comprare il kit da qua

Fondamentale nella nostra classifica di oggi e’ anche il Power Bank. Uno strumento molto utile ed importante per caricare il proprio telefono senza “rubare” la corrente dell’invertir del vano sanitario (😏vi abbiamo visto staccare il lifepack o l’aspiratore per attaccare la presa…). Comunque, tornando a noi, e’ molto importante perché con i suoi 20.000 mAh questo prodotto garantisce al vostro telefono o tablet carica per almeno 10 volte! E’ in offerta a soli 15 euro!

Potete comprarlo da qua

Interessante e’ anche questo prodotto, utile per i suoi vari strumenti integrati che consentono di svolgere varie funzioni (svita/avvita, rompi vetro ecc.). Si può rivelare utile in vari scenari, primo tra tutti l’apertura della seconda porta per passare con la Spinale o con la Cardiopatica.

Potete comprarlo da qua

Dopo aver comprato il PowerBank, per non essere egoisti con i colleghi, specialmente con i sanitari, vi raccomandiamo di comprare anche questo cavo multi-presa che può sempre tornare utile. Grazie alle sue tre tipologie di uscite, può caricare tutti i dispositivi in commercio.

Potete acquistare il cavo da qua

Arriviamo ora alla celebrità indiscussa dei regali per soccorritori: stiamo parlando del Victorinox Rescue Tool, un coltellino disegnato e realizzato con materiali di prima qualità pensato INTERAMENTE per i soccorritori Svizzeri e rapidissimamente diffuso anche in Italia ed in Europa in generale. In questi giorni, e’ possibile acquistarlo in offerta da qui a 65 euro anziché 95!

Nelle prossime ore pubblicheremo ulteriori offerte molto interessanti, ricaricate questa pagina per non perderle!

Continue Reading

Curiosità

Terremoto di 4.2 a Rimini, il punto della situazione

Published

on

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita alle 13.48 in Emilia Romagna. La magnitudo definitiva comunicata dai tecnici dell’Ingv è di 4.2 mentre, invece, la profondità sarebbe di circa 43km. L’epicentro del sisma è stato localizzato ad appena 4km da Santarcangelo di Romagna, nel Riminese. La scossa è durata molti secondi e ha destato forte preoccupazione. A Rimini la gente ha riferito di aver sentito un boato in concomitanza della scossa. Brevemente sospesa la circolazione ferroviaria locale.

Secondo i tecnici dell’INGV seguiranno repliche.

[Aggiornamento 15.30-18/11/18]

La Protezione Civile, al lavoro, non avrebbe riscontrato danni a cose o persone sul territorio.

 

Continue Reading

Seguici su Facebook

Advertisement

Trending

Copyright © 2017 - Nue112.it - Il Blog Italiano dell'Emergenza - a cura di Matteo Storti Gajani - P.Iva 14866591002

Seguici su Facebook!